00 2/10/2013 5:47 AM
Cats
Cats è un musical del 1981 composto da Andrew Lloyd Webber su testi di Thomas Stearns Eliot (con aggiunte di Trevor Nunn e Richard Stiloge). È uno dei più famosi musical nel mondo ed uno tra i più grandi successi di tutti i tempi per longevità, spettatori e incassi totali.

La canzone più famosa del musical, è stata scritta da Trevor Nunn ispiratosi alla poesia di Eliot Rapsodia su una notte di vento.




Memoria:

Notte
tutt'intorno silenzio
là sorride la luna
ma ricordi non ha
tra i miei passi
le foglie si raccolgono già
ed il vento
mòrmora...

Sola
nel chiarore lunare
me ne sto coi ricordi
della felicità
che ho vissuto,
lontano, tanti troppi anni fa
ero bella
non lo sai?

I lampioni gridano
un fatale avvertimento
tra i mugugni
e le luci spente
sarà mattino, presto...

Giorno
sto pensando alla vita
che mi attende domani
senza cedere più
già con l'alba
stanotte un ricordo sarà
un nuovo giorno
nascerà...

Pezzi di ricordi, ancora
di giorni ormai passati
luci spente
è finito il buio
un giorno è cominciato

Resta
non lasciarmi da sola
coi ricordi più tristi
di una vita non mia

Se rimani
potrai capir la gioia cos'è
guarda, è giorno
stai con me.


E' una notte di luna piena. La pallida luce illumina una discarica, in cui si raduna una tribù di gatti, i Jellicle, che si riuniscono una volta l'anno per un "doppio rituale": danzare il Ballo Jellicle e scoprire quale di loro sarà prescelto per ascendere all'Heavyside Layer (una sorta di mondo spirituale) e quindi reincarnarsi in una nuova vita Jellicle. Nell'attesa che arrivi il loro capo, Old Deuteronomy, i Jellicle si presentano come gatti fieri e orgogliosi e rivelano al pubblico che un gatto ha tre nomi differenti: uno da usare tutti i giorni, uno più caratteristico e dignitoso, e infine un nome segreto, che solo il gatto stesso conosce.
Poi i Jellicle iniziano a raccontare vita e attitudini di ciascuno di loro. La prima a raccontare di sé è Jennyanydots, una gatta soriana, dal pelo tigrato, che durante il giorno non fa che dormire, per poi svegliarsi di notte e incontrare di nascosto i topi e gli scarafaggi della cantina, con lo scopo di insegnare loro un po' di disciplina e di buone maniere.
Segue Rum Tum Tugger, giovane gatto dal folto pelo leopardato e dal fascino magnetico che attira la grande maggioranza delle gatte della tribù. Rum Tum è consapevole del suo successo e non fa nulla (anzi) per evitare di attirare l'attenzione.
Quindi entra in scena Grizabella, una gatta lacera e malandata, che tutti si affrettano a evitare o a deridere. Demeter, seguita dal resto della tribù, racconta di come Grizabella fosse un tempo una gatta molto affascinante, ma avesse poi scelto di andarsene, scegliendo una vita dissoluta lontano dalla tribù....